“Mia madre”: l’ultima graphic novel Li Kunwu

Già ospite dell’Istituto Confucio nel 2018 per la presentazione della trilogia a fumetti “Una vita cinese”, Li Kunwu torna a far parte del nostro palinsesto con il suo ultimo romanzo: “Mia madre” (Add editore, 2020).

L’autore, classe 1955, è conosciuto per essere uno dei pochi artisti della sua generazione a essersi potuto dedicare esclusivamente al fumetto. Nella sua ultima graphic novel, ci parla delle persone comuni, del loro modo di vivere, delle loro convinzioni, offrendo ancora una volta un documento raro e toccante sulla storia della Cina e un prezioso strumento per accorciare le distanze culturali tra il nostro Paese e quello di Mezzo. Sullo sfondo del caos e dell’instabilità degli anni ‘30, l’autore orchestra una narrazione profondamente personale, raccontando la storia di una donna, dall’infanzia fino all’età adulta, e lo sguardo di un figlio. Attraverso il ritratto di sua madre, una bambina sballottata dal villaggio della famiglia materna alla casa in città del signore della guerra per cui lavora il padre, il lettore scopre la vita di tre generazioni, le relazioni coniugali e familiari dell’epoca, le scelte personali e sofferte di una vita affaticata dall’estrema povertà e dalle opportunità negate alle donne, limitate dalle loro stesse madri in un mondo che ancora non ne concepisce l’emancipazione.

Nel corso dell’incontro interverranno Simona Gallo, docente di letteratura cinese dell’Università degli Studi di Bergamo, Martina Caschera, docente di lingua e letteratura cinese ed esperta di linguaggi del fumetto e Ilaria Benini della casa editrice Add Editore.

L’incontro è organizzato dall’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con Add editore. Si terrà online sul canale YouTube dell’Istituto Confucio, mercoledì 16 dicembre alle ore 17.30.

***

Li Kunwu è nato nel 1955 nella provincia dello Yunnan. Fumettista specializzato in cartoon di propaganda, oggi lavora allo studio delle minoranze etniche e culturali nella propria provincia, una delle più diversificate del paese. Per trent’anni il suo lavoro è stato pubblicato in Cina su numerose riviste illustrate, come il Lianhua Huabao e Humo Dashi.

 

Data
16/12/2020 - 17:30