_ideo_attivita
QUANDO IL LEGNO SI FA RABBIA
ALLA SCOPERTA DELLA MEDICINA TRADIZIONALE CINESE
Come è visto il corpo umano dalla Medicina Tradizionale Cinese? Cosa sono i “cinque elementi” e come si relazionano ad essi le emozioni e le sensazioni? Ci sono “trucchi” che la pratica orientale può insegnarci per mantenerci in salute?
“Quando il legno si fa rabbia. Alla scoperta della medicina tradizionale cinese” è il primo miniciclo di incontri dedicato alla Medicina Tradizionale Cinese organizzato dall’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano. Il secondo e ultimo appuntamento è per venerdì 11 giugno alle 18.30 al negozio civico ChiAmaMilano, nel cuore della città. Micaela Montalto, medico agopunturista e insegnante di Medicina Tradizionale Cinese, accompagnerà il pubblico milanese nell’esplorazione di un mondo affascinante, antico eppure attualissimo. Tra premesse filosofiche e consigli pratici, ma senza concessioni all’esotismo, si scopriranno gli aspetti fondamentali della medicina tradizionale cinese. 
Dopo la serata di giovedì 3 giugno dedicata al tema Il corpo umano e la sua psiche come specchio del macrocosmo nella Medicina Tradizionale Cinese, venerdì 11 giugno, nel corso dell’incontro intitolato I mille volti della prevenzione nella Medicina Tradizionale Cinese e i suoi possibili impieghi nella cultura occidentale, Montalto illustrerà come l'approccio olistico orientale possa arricchire e integrare gli aspetti più avanzati della scienza moderna. Si parlerà allora del concetto di prevenzione, che non corrisponde alla diagnosi precoce dell’approccio occidentale. E si impareranno alcuni principi della Medicina Tradizionale Cinese per preservare lo stato di salute: dalle norme “igieniche” che sono anche culturali alle diverse abitudini di vita, come la ginnastica, i massaggi, la dietetica, l’impiego delle erbe, l’agopuntura e la medicina dell’orecchio.
 
L'incontro si tiene venerdì 11 giugno  alle 18.30 al negozio civico “ChiAmaMilano”, Largo Corsia dei Servi 11, Milano (MM1 Duomo/San Babila). Ingresso libero.
 
Per informazioni:
Tel. 02-50321675 (lunedì – venerdì, dalle 10.00 alle 13.00)
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
Italian - Italy简体中文(中国)